Che cos’è un indirizzo IP e a cosa serve l’IP?

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Prerequisito per lo studio della lezione sull’indirizzo IP

Dai cari amici di Ottimo ci si aspetta che dopo aver studiato questa lezione saranno in grado di:

  • Spiegare il concetto di indirizzo IP.
  • Trovare l’indirizzo IP del proprio computer, cellulare e altri dispositivi collegati alla propria rete.
  • Descrivere brevemente la differenza tra un indirizzo IP statico e un indirizzo IP dinamico.
  • Spiegare perché il protocollo IPv4 sta gradualmente cedendo il passo al protocollo IPv6.

Uno dei termini fondamentali nel mondo digitale che tutti abbiamo sentito molte volte è indirizzo IP.

IP sta per protocollo Internet ed è un codice o un indirizzo assegnato ai dispositivi connessi a Internet.

Foto Indirizzo IP

Ovviamente, anche senza conoscere il significato di IP, il nostro lavoro su Internet sarebbe iniziato lo stesso. molte persone che utilizzano Internet potrebbero non capirne correttamente il significato.

Tuttavia, conoscere l’indirizzo IP può darci una comprensione più profonda di Internet e della sua infrastruttura.

L’indirizzo IP ha senso a livello di rete

La prima cosa da considerare prima di iniziare a parlare è che l’indirizzo IP ha senso a livello di rete.

Quando diciamo indirizzo IP a livello di rete (Network), intendiamo che l’IP è qualcosa di più basilare del web, delle applicazioni e di Internet.

Anche se abbiamo due o tre computer che dovrebbero formare una rete e comunicare tra loro, ognuno di loro deve avere un indirizzo specifico.

Ora, se il numero di questi computer aumentasse e fossero diffusi in diverse parti del mondo e avessimo una rete internazionale (Internet) invece della rete interna (Internal Network), sarebbe comunque necessario lo stesso indirizzamento.

Lo stesso indirizzamento può essere utilizzato anche se i cellulari e le loro applicazioni vogliono comunicare tra loro.

Se si suppone che applicazioni e server siano in contatto, l’indirizzamento è comunque necessario.

Se i siti web vogliono connettersi o collegarsi tra loro, hanno comunque bisogno di un indirizzo IP.

Questo è il motivo per cui diciamo che l’IP è un concetto sottostante a livello di rete e tutto ciò che è costruito sulla rete è in qualche modo correlato all’indirizzo IP.

Applicazione dell’indirizzo IP su Internet

I telefoni cellulari o i laptop o qualsiasi altro dispositivo connesso a Internet devono avere un codice univoco per connettersi.

In questo momento, se digiti la parola IP nel tuo browser Google, puoi vedere il tuo codice IP.

Se vuoi confrontare lo spazio Internet con un sistema di mailing e invio e ricezione di posta, puoi dire che l’IP del tuo computer gioca il ruolo dell’indirizzo del mittente.

 

Ogni pacchetto che il tuo dispositivo invia a Internet contiene anche il tuo IP per determinare a chi deve essere inviata la risposta.

Gli IP nella loro forma tradizionale (chiamata protocollo 4 o IPv4) sono quattro numeri separati da un punto.

Ogni numero è compreso tra zero e 255 (perché ogni numero è in realtà otto bit o un byte).

Non ci colleghiamo necessariamente direttamente a Internet

Molti dei nostri dispositivi informatici non si connettono direttamente a Internet.

Ad esempio, se hai un modem ADSL a casa, in realtà è il modem che è connesso a Internet e ha il suo IP univoco in tutto il mondo.

Il telefono cellulare, il laptop, la TV e altri dispositivi collegati al modem via cavo o wireless ricevono effettivamente un IP interno dal modem.

Per questo motivo, gli ISP e i provider di servizi Internet fanno spesso riferimento al numero di nodi quando parlano del numero dei loro clienti. Ogni nodo riceve un IP specifico.

Ora quanti dispositivi verrano collegati a quell’IP è un’altra questione.

Ovviamente, quando utilizzi Internet mobile, ottieni direttamente un IP dedicato per quel cellulare. Lì, Device e Node sono praticamente integrati.

Cosa si intende per IP Dynamics?

Dato che il numero di IP è limitato, avere un IP è in realtà un investimento.

Pertanto, le aziende che forniscono servizi di connessione a Internet preferiscono sfruttare al massimo ogni IP.

Supponiamo che un operatore di telefonia mobile fornisca ai suoi utenti un gran numero di schede SIM con connettività Internet.

Tutti questi cellulari sono sempre connessi a Internet? Le schede SIM a volte sono disabilitate. A volte sono spenti. A volte sono collegati al Wi-Fi e alle reti locali (a casa o al lavoro). Quindi sempre solo una parte delle carte SIM necessita di connessione a Internet.

Ad esempio, potresti avere 70.000 IP e vendere 120.000 schede SIM con connettività Internet e nessuno dei clienti sentirà mai  che esiste un limite alla connessione Internet.

In questo caso, è necessario disporre dell’infrastruttura per trovare e assegnare un IP libero a ciascun dispositivo ogni volta che si connette a Internet, quindi scollegare nuovamente quell’IP  e metterlo nell’elenco degli IP liberi in modo che sia possibile accedere dai altri dispositivi.

Questo metodo di allocazione IP è chiamato allocazione dinamica dell’ indirizzo IP.

Cosa si intende per l’indirizzo IP statico?

Ci sono diversi motivi per cui potresti aver bisogno di un IP statico.

Ad esempio, quando si dispone di un sito Web, è necessario assegnare un IP fisso al proprio host in modo che tutti gli utenti di Internet possano accedervi facilmente e rapidamente.

È una buona idea andare su ipinfo e digitare gli URL di alcuni dei siti che si utilizzano. Naturalmente, ci sono molti di questi siti; ma per ora è importante per noi vedere l’IP fisso dei siti.

Ad esempio, l’indirizzo IP fisso del sito Ottimo è 89.46.108.71.

Questi IP fissi sono chiamati indirizzi IP statici. Naturalmente, l’uso dell’IP fisso non è l’unico utilizzo per domini e server web. Ma in generale, per impostazione predefinita, l’opzione “indirizzo IP fisso” non viene selezionata (a causa del suo costo) a meno che non vi sia un’esigenza tecnica e di solito viene utilizzato un IP dinamico (che è più facile e accessibile). 

Che cos’è IPv6 e in cosa differisce da IPv4?

Il dibattito sull’IP nella forma del Protocollo 4 (che è di quattro numeri di un byte) esiste dagli anni ’70 e gradualmente ha preso forma.

Naturalmente si capisce con una rapida occhiata che in questo caso ci sono circa quattro miliardi e duecento milioni di IP (Due alla potenza di 32).

A partire dal 1998 circa, questo dibattito è diventato serio e gradualmente è stato formato lo standard IPv6, dove gli indirizzi sono di 128 bit.

Ecco un esempio di un indirizzo IPv6:

e378:8000:63bf:3fff:fdd2:2001:0000:4136

Ovviamente, ci vuole ancora molto tempo prima che questo standard diventi universale e, data la capacità di questo sistema, nel futuro che possiamo immaginare oggi è improbabile che con il Protocollo n. 6 (IPv6) si verifichi  il problema della carenza di capacità.

[File correlato: IPv6 Address Types]

Se hai familiarità con i protocolli IP e di rete, quali altre cose ti vengono in mente che vorresti condividere con i tuoi amici che non hanno dimestichezza con questo concetto?

Naturalmente, non ci aspettiamo spiegazioni specializzate o copie di contenuti da altri siti. Piuttosto, fai una semplice spiegazione esperienziale che ritieni possa essere utile per l’alfabetizzazione digitale.

ottimosito_admin

ottimosito_admin

0

Leave a Replay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sign up for our Newsletter

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit