Dolore della perdita | Un esempio da Dan Ariely sulla teoria del prospetto

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Foto Netflix

In questa articolo, esamineremo una delle domande poste a Dan Ariely  da un lettore del The Wall Street Journal, che poi l’economista ha ripubblicato nel suo libro Irrationally Yours.

 

Con questo articolo vogliamo illustrare un esempio di teoria del prospetto (Prospect theory, teoria formulata dagli psicologi Daniel Kahneman e Amos Tversky nel 1979), che abbiamo approfondito nel nostro corso omonimo.

La domanda posta a Dan Ariely riguarda Netflix, la cui principale fonte di guadagno è il canone di abbonamento pagato dai suoi utenti per accedere a un ampio archivio di film e serie in parte acquistati da altre case di produzione, in parte autoprodotti.

Foto Netflix

Caro Dan,

Sono un vecchio utente di Netflix.

Recentemente hanno rimosso circa 1.800 titoli di film dai loro archivi e aggiunto altri nuovi film.

So che probabilmente non avrò mai visto nessuno di quei 1.800 titoli, ma sono ancora dispiaciuto e sto seriamente pensando di lasciare Netflix, cioè di non rinnovare il mio abbonamento.

Perché mi sento in questo modo?

Risposta di Dan Ariely

In risposta a questa domanda, Dan Eriley lo collega al Ariely parla di ‘dolore della perdita’ (discusso nel dettaglio nel corso di Teoria del prospetto) e suggerisce al lettore un modo per ridurre il suo malessere:

Come appassionato di film, capisco il tuo problema e la tua frustrazione.

Ciò che evoca in te questa sensazione è l’esperienza della perdita.

Evitare situazioni in cui perdiamo qualcosa è un principio ben noto nelle scienze sociali.

La conclusione è che l’effetto emotivo di perdere qualcosa è più forte dell’effetto emotivo di ottenere qualcosa dello stesso valore.

Se vogliamo parlare di Netflix, il fatto che alcuni film siano stati rimossi dall’archivio ti ha fatto sentire perso e quindi dispiaciuto.

Il dolore della perdita è così grande che anche se metti a disposizione film migliori rispetto ai film che sono stati rimossi, ti sentirai comunque male.

Ovviamente, tieni presente che una modifica all’archivio farà sentire di aver perso qualcosa a te e altri vecchi utenti di Netflix.

Ma i nuovi utenti Netflix, che vedono solo i film aggiunti di recente e non sentono di aver perso nulla, si sentiranno bene riguardo al nuovo archivio. 

Tenendo a mente questo, il mio suggerimento è di provare a rendere la tua esperienza su Netflix più simile a quella in un museo:

Un servizio che non ti offrirà film specifici, ma che ti fornisce una divertente raccolta di film.

Così come non ci sentiamo titolari delle opere nei musei e non saremo turbati se alcune delle opere in essi contenute cambieranno; piuttosto, li vediamo solo come fornitori di una raccolta selezionata di opere.

 

La mia ipotesi è che se sei disposto a cambiare la tua visione come ho detto, ti divertirai di più con Netflix.

Fai pratica e partecipa alle discussioni

  • In quale altra situazione hai provato questo tipo di brutta sensazione?
  • A parte i servizi di distribuzione cinematografica, secondo te quali altri servizi possono essere descritti come un museo, secondo l’esempio suggerito da Dan Ariely?
ottimosito_admin

ottimosito_admin

0

Leave a Replay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tieniti aggiornato sui corsi on line e sulle promozioni